Land Rover piace al mercato mondiale!

Il marchio Land Rover chiude un altro anno in positivo. Nel 2016 ha venduto 434.600 vetture, con un incremento dell’8% rispetto ai dodici mesi precedenti. Questo risultato sommato a quello del suo brand partner consente a Jaguar Land Rover di conquistare il titolo di quarto costruttore premium al mondo dopo al Gruppo BMW, alla Daimler e all’Audi, e davanti alla Volvo. Land Rover, in particolare rimane uno dei referenti del segmento Suv grazie a una gamma che inizia dalla compatta Range Rover Evoque e arriva alla Range Rover passando dalla Discovery. Nel solo mese di dicembre sono state vendute globalmente 39.000 unità, con un calo del 5%.

La spinta dell’Europa. Parte di questo successo commerciale si spiega con il buon andamento in Europa, dove il marchio continua a espandere la sua presenza grazie alla domanda dei modelli Discovery Sport ed Evoque. Il Regno Unito è stata la “piazza” più importante e ha superato gli Stati Uniti. Le immatricolazioni nel suo mercato locale sono state 79.500 (+19,5%) con una quota di mercato del 2,95%, la più alta registrata in tutto il mondo. Da sottolineare che la variazione delle vendite di Land Rover è stata nettamente superiore a quella complessiva del mercato interno, pari al +2,3%.

In Italia cresce del 18,5%. In Germania ha consegnato 22.800 vetture, con un aumento del 25,2%, ma con una quota più bassa di quella registrata in Italia e Spagna. Più nello specifico, nel nostro Paese Land Rover ha immatricolato 18.800 esemplari, pari a un aumento del 18,5%, e con una quota di mercato dell’1,03%. In Spagna, invece, la quota è rimasta invariata allo 0,89%, con 10.300 immatricolazioni.

Negli Usa penalizzata dal mercato. Negli Stati Uniti la situazione non è stata altrettanto positiva. Anche se le vendite sono cresciute del 4,6% – passando dalle 70.600 unità del 2015 alle 73.900 di un anno dopo – e la quota è aumentata dallo 0,40% allo 0,42%, Land Rover ha risentito della contrazione del mercato americano. Lo dimostrano i risultati negativi di Range Rover (-9,3%) ed Evoque (-24%), che sono stati però mitigati dal consistente aumento registrato dalla Discovery Sport (+87,1%).

Car Industry Analysis  – fonte quattroruote.it